lunedì 9 luglio 2012

Pendente Dragonfly Cross

Come promesso pubblico alcune foto partendo...dalla fine. :-)
In effetti questa è l'ultima creazione che ho realizzato, ma ne sono rimasta molto soddisfatta e quindi le do la precedenza. 
E' il primo pendente che realizzo lavorando il filo di rame. Ho preso spunto da una rivista, ma ho modificato il progetto in corso d'opera. Infatti mi sono trovata a lavorare con un filo più spesso del solito (1,5 mm) e le piegature hanno determinato la forma del pendente.
Sto sperimentando le distanze giuste per ottenere le pieghe e le anse dove voglio io e con il filo spesso non sempre va come vorrei (i margini per migliorare nel tempo ci sono sicuramente).
Il risultato mi piace. Mi ha fatto pensare ad una farfalla, ma anche ad una libellula, il tutto con un lieve richiamo alle croci gemmate. Di qui il nome.
Per la prima volta ho utilizzato un nuovo filo di rame acquistato su wires.co.uk. Si tratta di un filo che, sulla carta, non dovrebbe ossidare.
In effetti mi rendo conto che vedere i miei gioielli annerire e lasciare tracce non mi va molto a genio. L'idea di ossidare e anticare il rame io stessa, dandogli degli effetti voluti mi sta bene. Creare un gioiello con le tonalità brillanti del rame e vederlo scurire un po' alla volta, un po' meno.
Forse è un limite mio. Al momento trovare una soluzione per ovviare a questo problema mi soddisferebbe. Da qui l'acquisto di questo filo. Vedremo come andrà.
Il pendente è realizzato in rame (fili da 1,5 e 0,6 mm) con calcedonio, giada bianca e cristalli Swarovski). Per realizzare la collana ho aggiunto un cordoncino coda di topo brown e una chiusura T-bar in rame.
Spero vi piaccia!
(NON DISPONIBILE)








1 commento:

  1. si vede che stai affinando la tecnica, brava!

    RispondiElimina